Il “Baby Sitter Sharing”, un nuovo fenomeno che si diffonde

Il “Baby Sitter Sharing”, un nuovo fenomeno che si diffonde.

In un’ epoca dove sembra che la condivisione sia diventata di primaria importanza… perché non condividere anche la tata?

E’ proprio questa, a quanto dicono le statistiche, la nuova moda: il baby sitter sharing.download (3)

Secondo un recente sondaggio condotto dal sito “Sitter-Italia”, infatti, una famiglia italiana su tre pensa che il baby sitter sharing sia una buona scelta. In Norvegia il 41% dei genitori trova naturale condividere la tata con altre famiglie, mentre in Finlandia e in Danimarca la percentuale è del 37,50%. L’Italia è al terzo posto, con il 34% dei genitori disponibili a questa scelta, seguita da Spagna (30%) e Olanda (29%).

In Europa il Baby Sitter Sharing è già molto diffuso e potrebbe essere un’ottima scelta per i genitori, che così possono risparmiare un po’, per le baby sitter, che possono chiedere prezzi più alti da dividere poi tra tutte le famiglie, e per i bambini, che potrebbero crescere insieme ad altri piccoli.

Precedente Lo sfogo di Borriello Successivo Il fenomeno del ""dynamic pricing"